PORTALE   FORUM   FAQ  
Iscriviti  Login
Indice Multimedia Letteratura

L'estate del '78

Opere ed autori

L'estate del '78

Messaggioda Insight » gio 21 giu 2018, 8:10

Roberto Alajmo, classe 1959, giornalista e scrittore, direttore del Teatro Biondo di Palermo, rivive l’ormai lontana estate del 1978 in un delicato ed emozionante romanzo pubblicato quest’anno dall’editore Sellerio.


Immagine


Per l’Autore, il 1978 era l’anno della maturità scolastica. Ai primi di luglio, in quell’intervallo di tempo tra gli esami scritti e gli orali, che tutti gli ex maturandi ricordano come piuttosto angosciante, lui e un gruppo di compagni di classe si ritrovavano nella sua casa estiva di Mondello, vicino a Palermo, per studiare e ripetere insieme, fino allo sfinimento in un caldo torrido, le materie da preparare per la fatidica interrogazione finale…

Ogni giorno che passava, poi, il gruppo si assottigliava sempre di più, mano a mano che i ragazzi andavano, a turno, ad affrontare la commissione… Finché nella casa di Mondello rimasero soltanto in quattro, gli ultimi a dover andare “sotto torchio”…

Ma quella del 1978, purtroppo, e senza che Roberto lo sapesse, fu anche l’ultima estate in cui egli vide sua madre: l’ultimo incontro fu proprio in un pomeriggio dei primi di luglio, quando lui e i suoi tre amici decisero di prendersi una pausa dallo studio e uscirono nella calura per andare a gustarsi un buon gelato…

Roberto percorse, allora, insieme ai suoi compagni, la stradina sotto casa, lunga trenta metri, che sbocca sulla via Stesicoro. Quante volte da bambino aveva percorso quella stradina con la bicicletta, avanti e indietro, senza mai sbucare sulla via principale, il cui sbocco rappresentava allora le “colonne d’Ercole”, che non si potevano oltrepassare…

Quel pomeriggio di quarant’anni fa, invece, Roberto, ormai diciannovenne, superò le vecchie “colonne d’Ercole” e si trovò davanti, molto sorpreso, seduta sul muricciolo di via Stesicoro, sua madre, che ormai non viveva più con lui perché si era separata dal padre. Era venuta a cercarlo per un saluto. L’ultimo, anche se lui lo seppe soltanto dopo…

_________________


Dopo la rievocazione di questo episodio iniziale, il libro si sviluppa in una meditazione dolce-amara sulle gioie e sui dolori della vita, sui momenti di felicità che molto spesso si vivono senza averne contezza e che apprezziamo soltanto dopo, quando purtroppo li abbiamo già perduti…

Bisognerebbe provare a stilare una specie di Repertorio delle Gioie Irrecuperabili”, scrive Alajmo in uno dei passi più suggestivi del suo romanzo. “Quel genere di piaceri che non siamo in grado di cogliere sul momento, e di cui ci rendiamo conto solo qualche tempo dopo, quando ormai sono impossibili da conseguire o riprodurre. Esistono gioie che avevamo in pugno e abbiamo lasciato andare, se non gettato via, come succede con i campioncini di profumo offerti in distribuzione gratuita…”.

Ecco, allora, alcuni esempi di “Gioie Irrecuperabili” da parte della maggior parte delle persone che hanno passato i cinquant’anni: leggere senza occhiali, mangiare frittura a cena, accovacciarsi sulle ginocchia, dormire per una notte intera senza interruzioni, asciugarsi i capelli andando in motocicletta, fare l’amore con una certa persona, abbracciare un genitore…

________________



Come seguendo il movimento di un pendolo, la narrazione e la meditazione di Roberto Alajmo oscillano continuamente tra passato e presente, fra il tempo che precede anche di molto l’estate del 1978 e quello che la segue e che arriva fino ai giorni nostri…

Viene così ripercorsa la storia dei genitori di Roberto, Elena e Vittorio: di quando si sono conosciuti e fidanzati; dei tempi in cui si scrivevano lettere d’amore mentre il futuro padre dell’Autore era sotto le armi; di quando, finalmente, sono nati lui e suo fratello Marcello…

Attraverso le fotografie e i disegni e i quadri di Elena, che oltre ad essere una bravissima maestra elementare, molto amata dai suoi alunni, era anche una promettente pittrice, Roberto rivive momenti di vita familiare, anche molto felici, come il viaggio a Parigi nella primavera del 1969 o, più semplicemente, come le piacevoli serate passate a guardare Rischiatutto alla televisione, sul lettone insieme ai genitori e al fratellino…

Ma vengono rievocati anche i drammi familiari: la fine lenta e dolorosa del padre, Vittorio; i primi segni della malattia di Elena, il suo sprofondare nella depressione e nella dipendenza da psicofarmaci, e la separazione dei genitori, avvenuta due anni prima dell’estate del ‘78…

Fino ad arrivare, purtroppo, al tragico gesto di Elena, che si tolse la vita soltanto dopo tre mesi da quell’ultimo incontro di luglio in via Stesicoro…

A fare da contrappunto agli episodi del passato, sono le continue incursioni nel tempo più recente. La nascita del figlio, Arturo, avvenuta alla fine del 1994, rappresenta certamente un punto di arrivo nella vita dell’Autore, ma anche un avvenimento che segna la continuità con il passato e che a quella storia familiare, filtrata attraverso la fatidica estate del ’78, restituisce pienamente il senso.

Il fluire della vita, fin da quando siamo bambini, ci riserva gioie incontenibili, ma anche dispiaceri cocenti, dolori che lacerano l’anima. Dal giorno alla notte, dalla notte al giorno. E così via, sino alla fine. Dall’esperienza della paternità o maternità alla perdita dei genitori. Ma cosa possiamo fare, noi esseri umani, se non stoicamente accettare tutto questo?

E anche il dolore immenso e lo sgomento provato per il suicidio di una madre – un gesto così apparentemente incomprensibile – può acquistare un senso, se c’è un dopo, se dentro di noi sappiamo che dopo la notte viene sempre l’alba, e se della vita sappiamo accettare tutto, sia il bene che il male.


***


Arricchito da fotografie e disegni, L’estate del ’78 è un libro che fa riflettere, che trasmette una “serena malinconia”, ma che fa anche divertire, perché non mancano al suo interno dei passi di squisita leggerezza e ironia. La sua forza risiede soprattutto nella semplicità, nella complicità e solidarietà che si provano nei confronti dell’Autore, al quale ci si sente indubbiamente vicini. Specialmente noi di… “una certa età” ;)
"Lo stolto continua a parlare mentre gli strumenti dicono molto più di questo, stai tranquillo e ascolta quello che non puoi esprimere" (andromeda57)
_____
Anni 80? No, grazie
Insight
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 4486
Iscritto il: lun 4 nov 2013, 17:20

da Sponsor Anni70 » gio 21 giu 2018, 13:34

Anni70.net - Che cosa vuoi di più dalla vita?

Sponsor Anni70
Settantiano supporter
 

Re: L'estate del '78

Messaggioda lisa jean » gio 21 giu 2018, 13:34

Non conoscevo questo romanzo, ma mi pare interessante. All'elenco delle "gioie irrecuperabili" aggiungerei il piacere di giocare a nascondino, quello di parlare per ore ed ore con gli amici senza doversi preoccupare degli impegni che ci aspettano (e del telefonino che non ci dà tregua), di leggere il nuovo numero di Topolino, di completare un album di figurine.
Anch'io ricordo con un misto di dolcezza ed amarezza quell'estate del '78, a cavallo fra le elementari e le medie, quando lasciavo il mondo dell'infanzia. La sua colonna sonora (ogni estate dei miei primi venti anni ne ha una precisa, per me) era la più appropriata che si potesse, un brano suggestivi e malinconico,"Wuthering heights".
(Solo da pochi anni ho capito che le gioie, anche le più semplici, addirittura elementari, devono essere apprezzate quando le abbiamo, perché niente è scontato).
Grazie per la recensione!
lisa jean
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 1560
Iscritto il: sab 21 mar 2015, 16:23

Re: L'estate del '78

Messaggioda Insight » ven 22 giu 2018, 7:55

Grazie a te, Lisa. Se ti capita, leggilo. Sono sicuro che ti piacerà :)
"Lo stolto continua a parlare mentre gli strumenti dicono molto più di questo, stai tranquillo e ascolta quello che non puoi esprimere" (andromeda57)
_____
Anni 80? No, grazie
Insight
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 4486
Iscritto il: lun 4 nov 2013, 17:20

Re: L'estate del '78

Messaggioda barbatrucco » ven 22 giu 2018, 15:25

Segnalazione interessantissima, anche per ovvie ragioni anagrafiche, e possibile lettura estiva di quest'anno, grazie em_drinks
Resta di stucco, è un barbatrucco!
Avatar utente
barbatrucco
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 3929
Iscritto il: sab 28 set 2013, 15:32
Località: basso lazio

Re: L'estate del '78

Messaggioda Insight » sab 23 giu 2018, 16:28

Sì, lo consiglio veramente a tutti e in particolare a Lisa, che forse sarà anche passata in via Stesicoro a Mondello :)

P.S. Questa "recensione" è stata letta e apprezzata anche da Roberto Alajmo, il che ovviamente mi fa molto piacere :)
"Lo stolto continua a parlare mentre gli strumenti dicono molto più di questo, stai tranquillo e ascolta quello che non puoi esprimere" (andromeda57)
_____
Anni 80? No, grazie
Insight
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 4486
Iscritto il: lun 4 nov 2013, 17:20

Re: L'estate del '78

Messaggioda barbatrucco » sab 23 giu 2018, 16:40

Complimenti em_drinks
Resta di stucco, è un barbatrucco!
Avatar utente
barbatrucco
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 3929
Iscritto il: sab 28 set 2013, 15:32
Località: basso lazio

Re: L'estate del '78

Messaggioda Insight » dom 24 giu 2018, 17:06

Grazie :) Complimenti soprattutto ad Alajmo :)
"Lo stolto continua a parlare mentre gli strumenti dicono molto più di questo, stai tranquillo e ascolta quello che non puoi esprimere" (andromeda57)
_____
Anni 80? No, grazie
Insight
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 4486
Iscritto il: lun 4 nov 2013, 17:20

Re: L'estate del '78

Messaggioda hal9000 » lun 25 giu 2018, 12:20

lo sto leggendo, mi piace moltissimo... condivido specialmente il pensiero come NON si sia
allungata la vita ma la vecchiaia e la malattia
Avatar utente
hal9000
Settantiano top
Settantiano top
 
Messaggi: 392
Iscritto il: lun 23 dic 2013, 21:09

Re: L'estate del '78

Messaggioda Insight » lun 25 giu 2018, 15:12

Purtroppo in molti casi è vero...
"Lo stolto continua a parlare mentre gli strumenti dicono molto più di questo, stai tranquillo e ascolta quello che non puoi esprimere" (andromeda57)
_____
Anni 80? No, grazie
Insight
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 4486
Iscritto il: lun 4 nov 2013, 17:20

Re: L'estate del '78

Messaggioda Insight » mar 26 giu 2018, 7:55

A dire il vero, quando ho comprato questo libro, a scatola chiusa, essendo stato irresistibilmente attratto dal titolo, pensavo e speravo che fosse interamente dedicato all'estate del 1978, la quale, invece, è praticamente un "pretesto" per spaziare su meditazioni molto più ampie anche in termini temporali. Ma nonostante questo, non posso dire di essere rimasto deluso, anzi...Diciamo che l'ho apprezzato per motivi diversi da quelli per cui l'ho comprato :)
"Lo stolto continua a parlare mentre gli strumenti dicono molto più di questo, stai tranquillo e ascolta quello che non puoi esprimere" (andromeda57)
_____
Anni 80? No, grazie
Insight
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 4486
Iscritto il: lun 4 nov 2013, 17:20

Prossimo

Torna a Letteratura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite