PORTALE   FORUM   FAQ  
Iscriviti  Login
Indice Vita quotidiana Giornalini, periodici e figurine

Diabolik

In edicola: fumetti, riviste, buste sorpresa, album, raccolte...

Re: Diabolik

Messaggioda Whiteshark » dom 3 dic 2017, 17:36

Di questo "Demoniak" sento parlare ora per la prima volta :?
Remember:

Cheap and fast is not reliable
Cheap and reliable is not fast
Fast and reliable is not cheap
Avatar utente
Whiteshark
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 2218
Iscritto il: ven 4 ott 2013, 16:25

da Sponsor Anni70 » dom 3 dic 2017, 18:10

Anni70.net - Che cosa vuoi di più dalla vita?

Sponsor Anni70
Settantiano supporter
 

Re: Diabolik

Messaggioda Quickdraw » dom 3 dic 2017, 18:10

Whiteshark ha scritto:Di questo "Demoniak" sento parlare ora per la prima volta :?

E' un tipaccio che ha avuto i fumetti stampati negli anni 60 ma anche nei primi 70 creato da Furio Arrasich e disegnato da Franco Verola ed Edoardo Morricone, ma è molto più "noir" di Diabolik
Immagine
Avatar utente
Quickdraw
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 5997
Iscritto il: gio 17 ott 2013, 14:31

Re: Diabolik

Messaggioda Batteriologo » dom 3 dic 2017, 18:51

Mai saputo che esistesse questo Demoniak! :eek:
Avatar utente
Batteriologo
Settantiano attivo
Settantiano attivo
 
Messaggi: 89
Iscritto il: ven 19 set 2014, 16:00

Re: Diabolik

Messaggioda barbatrucco » dom 3 dic 2017, 19:03

Nemmeno io, dalla descrizione che ne ha fatto Gaetano direi proprio che la definizione quickesca di "tipaccio [...] molto più noir di Diabolik" si addica alla perfezione.
Indubbiamente un fumetto "minore" che tuttavia ha conosciuto varie piccole ondate, essendo stato pubblicato a singhiozzo da vari editori fino al 1974. Comunque, cercando notizie mi sono ricordato che Stefania Sandrelli ne legge un albo in una scena di Io la conoscevo bene (1965) e credevo fosse una testata fittizia creata appositamente dagli autori per citare la moda degli "eroi neri".

Immagine
Clicca sulla miniatura per ingrandire


Una cosa piuttosto cult, evidentemente.

Omero ha scritto:Se ho letto qualche Diabolik e Kriminal è perché li trovai in casa d'altri o dal barbiere. Forse ben prima del nostro decennio. E adesso... copème (espressione veneta)


galerius ha scritto:Sta tranquillo, Omero, a t'masuma nén ( espressione piemontese ) :D


Beh, in una discussione su Diabolik con "finestre su altri "eroi neri" qualche ammazzatella ci starebbe pure :mrgreen:

galerius ha scritto:nell'intervista a Gomboli mi ha dato abbastanza fastidio vedere liquidati personaggi che hanno una loro indiscutibile originalità ( quanto a personalità e vicende ) come fossero null'altro che deboli imitazioni di Diabolik. Il che non è, con buona pace di Gomboli


Anche a me la semplificazione sui personaggi di Bunker e Magnus sembra un po' troppo di parte e fuorviante.
Come del resto avete già sottolineato, il principale difetto di Diabolik, anche ai miei occhi, sta forse nel tono un po' asettico dell'insieme nonostante ciò che viene narrato, o almeno questo è ciò che si può rimproverare a come il fumetto è diventato nel tempo, ammorbidendosi. D'altra parte, non lo leggo da una vita, e anch'io mi ritrovo nei racconti di letture dal barbiere o in case altrui, non era un fumetto che acquistassi di solito.

E' vero però che quando le storie si discostavano dagli svolgimenti classici, o erano più vicine allo spirito originario, erano coinvolgenti e non ce n'era per nessuno, e sarebbe interessante leggere quelle attualmente in vendita per capire l'atmosfera che vi si respira.

Probabilmente, il perdurare del successo sta nel fatto che le Giussani e i loro collaboratori abbiano saputo creare fin dall'inizio un'iconografia talmente essenziale ed elegante da poter resistere con relativa facilità al passare del tempo: l'eroe "bel tenebroso" dall'aspetto atletico e virile, la calzamaglia nera senza fronzoli che ne esalta la muscolatura e i verdi occhi di ghiaccio (il taglio degli occhi incorniciati dal "passamontagna" della tuta è un'immagine immediatamente riconoscibile), il pugnale, la Jaguar, la stupenda Eva Kant e il loro amore indissolubile che riesce a vincere le inevitabili crisi di una così lunga storia, la stessa grafica del marchio Diabolik... A differenza dei suoi epigoni (che pure hanno fatto la storia del costume oltre a quella del fumetto, specie nei casi più riusciti) il "Re del Terrore" ha saputo imposi come eterna icona pop e, anche se gli altri "eroi neri" hanno avuto essi stessi le loro trasposizioni cinematografiche, il film che ne ricavò nel '68 Mario Bava evidenzia fortemente questo aspetto trasfigurandolo proprio nella Pop Art; e magari, quel tono spesso asettico di cui parlavo potrebbe essere una chiave della longevità, rendendo in qualche modo accettabili le vicende di un protagonista che di fatto è un criminale, nonostante segua una sua vaga etica.
Ultima modifica di barbatrucco il dom 3 dic 2017, 22:50, modificato 3 volte in totale.
Resta di stucco, è un barbatrucco!
Avatar utente
barbatrucco
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 4395
Iscritto il: sab 28 set 2013, 15:32
Località: basso lazio

Re: Diabolik

Messaggioda Whiteshark » dom 3 dic 2017, 19:43

Mah... la sola etica di Diabolik mi sembra sia quella di porsi dei limiti sempre più alti da superare.
Remember:

Cheap and fast is not reliable
Cheap and reliable is not fast
Fast and reliable is not cheap
Avatar utente
Whiteshark
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 2218
Iscritto il: ven 4 ott 2013, 16:25

Re: Diabolik

Messaggioda Gaetano Hardy 59 » dom 3 dic 2017, 20:19

[quote="barbatrucco"]Nemmeno io, dalla descrizione che ne ha fatto Gaetano direi proprio che la definizione quickesca di "tipaccio [...] molto più noir di Diabolik" si addica alla perfezione.
Indubbiamente un fumetto "minore" che tuttavia ha conosciuto varie piccole ondate, essendo stato pubblicato a singhiozzo da vari editori fino al 1974. Comunque, cercando notizie mi sono ricordato che Stefania Sandrelli ne legge un albo in una scena di Io la conoscevo bene (1965) e credevo fosse una testata fittizia creata appositamente dagli autori per citare la moda degli "eroi neri". ......]

Aggiungo che le sue gesta si svolgono prevalentemente in Inghilterra. A differenza dei citati Diabolik / Kriminal, non è un solitario. E' a capo di una organizzazione, a metà tra la loggia massonica; la cosca mafiosa e la setta politico-religiosa. Infatti almeno parte dei suoi seguaci/collaboratori, condivide i suoi progetti di "miglioramento" dell'umanità. La sua nemesi, un commissario stile Milton /Ginko, inizialmente lo affronta secondo i canoni della legalità (garantismo; "regolare processo", rispetto dell' Habeas Corpus, etc.) , ma, dato che, non diversamente dai colleghi citati, non cava un ragno dal buco, affianca al contrasto legale a tale tipaccio & Company, una lotta con metodi illegali. Si è creato una identità segreta : Judix. La notte esce con una moto modificata. Impugnando una curiosa mitraglietta, anch'essa modificata, per farle prendere una forma a metà tra il trombone dei briganti e le armi a raggio di Gordon, elimina senza troppi complimenti i complici di Demoniak. Scotland Yard, pertanto, si trova costretta a combatterli entrambi. Con il risultato che, concentrando le forze contro Demoniak e Judix, la criminalità comune prospera.
"Quando troverò chi mi darà ragione, MI SORGERA' IL DUBBIO DI AVERE TORTO" (W.A.)
Gaetano Hardy 59
Settantiano top
Settantiano top
 
Messaggi: 374
Iscritto il: mer 2 ott 2013, 23:02

Re: Diabolik

Messaggioda galerius » dom 3 dic 2017, 20:28

barbatrucco ha scritto:A differenza dei suoi epigoni (che pure hanno fatto la storia del costume oltre a quella del fumetto, specie nei casi più riusciti) il "Re del Terrore" ha saputo imposi come eterna icona pop e, anche se gli altri "eroi neri" hanno avuto essi stessi le loro trasposizioni cinematografiche, il film che ne ricavo nel '68 Mario Bava evidenzia fortemente questo aspetto trasfigurandolo proprio nella Pop Art; e magari, quel tono spesso asettico di cui parlavo potrebbe essere una chiave della longevità, rendendo in qualche modo accettabili le vicende di un protagonista che di fatto è un criminale, nonostante segua una sua vaga etica.

Questa mi sembra una buona analisi ; senza dubbio Diabolik a livello grafico è più agile, leggero e allo stesso tempo più realistico di certi suoi epigoni, compreso Kriminal ; inoltre non è troppo coinvolgente a livello emotivo. Insomma, ha le qualità per diventare un "classico" senza tempo, questo bisogna riconoscerglielo. Kriminal e Satanik sono più legati ai loro anni ( personalmente trovo più pop loro di Diabolik, sulla pagina ; il film di Bava sì, è il trionfo del Pop, ma all'epoca non era piaciuto troppo agli appassionati, che si aspettavano forse atmosfere più simili a quelle presenti in pellicole quali La ragazza che sapeva troppo o Sei donne per l'assassino ).
Attento, Black Jack, perché adesso ti tingo...sarebbe "ti tengo", ma è per far rima con...GRINGO...!
------------------------------------------
Avatar utente
galerius
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 3890
Iscritto il: lun 21 ott 2013, 11:40
Località: Luserna San Giovanni - TO

Re: Diabolik

Messaggioda Omero » lun 4 dic 2017, 17:46

Aggiungerei un'altro personaggio, recente perché pubblicato per la prima volta nel 2004

Immagine
Clicca sulla miniatura per ingrandire


E' un fumetto italiano della Menhir Edizioni, di dimensioni analoghe a quelli già citati. Il personaggio è un uomo senza più memoria del suo passato, che veste con una tuta nera raffigurante uno scheletro bianco, molto simile alla tuta dei personaggi Kriminal e Killing.
Hic manebimus optime
Avatar utente
Omero
Settantiano top
Settantiano top
 
Messaggi: 669
Iscritto il: dom 17 set 2017, 11:35

Re: Diabolik

Messaggioda galerius » lun 4 dic 2017, 19:09

Ne ho sentito parlare ma uno dei fascini - o forse il principale fascino - di quei fumetti è lo stile vintage, anni '60/70. Sono un tuffo nel passato mica da ridere. Per quanto simile nei temi, a un eroe nero "di oggi" mancherebbe per forza di cose quell'aspetto.
Attento, Black Jack, perché adesso ti tingo...sarebbe "ti tengo", ma è per far rima con...GRINGO...!
------------------------------------------
Avatar utente
galerius
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 3890
Iscritto il: lun 21 ott 2013, 11:40
Località: Luserna San Giovanni - TO

Re: Diabolik

Messaggioda hal9000 » mer 20 feb 2019, 11:44

ripesco questa discussione, perché oggi ho letto una cosa curiosa, il disegnatore che fece
il primo numero in assoluto scomparve misteriosamente subito dopo aver consegnato
le tavole e non se ne è mai più saputo nulla, si chiamava Angelo Zarcone ed a lui è dedicato
un film che ne narra la storia, link qui

https://video.repubblica.it/spettacoli- ... ref=search
Avatar utente
hal9000
Settantiano top
Settantiano top
 
Messaggi: 540
Iscritto il: lun 23 dic 2013, 21:09

PrecedenteProssimo

Torna a Giornalini, periodici e figurine

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

      
cron